BONUS RICERCA & SVILUPPO

Servizio di tutoraggio in applicazione della L.145/2013

Bonus Ricerca e Sviluppo piano industria 4.0
Servizio di tutoraggio in applicazione della L.145/2013

La legge 145/2013 prevede un bonus per tutti i costi che una impresa sostene nella attività di ricerca, non solo scientifica e tecnologica, e tutte le attività di acquisizione di conoscenze interne ed esterne finalizzate al miglioramento dei proprio prodotti e servizi.

La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l’opportunità

Lucius Annaeus Seneca | Filosofoso e Politico Romano

La L. 145/2013 prevede un Bonus per:

A) lavori sperimentali o teorici svolti, aventi quale principale finalità l’acquisizione di nuove conoscenze sui fondamenti di fenomeni e di fatti osservabili, senza che siano previste applicazioni o usi commerciali diretti;

B) ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi o permettere un miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti ovvero la creazione di componenti di sistemi complessi, necessaria per la ricerca industriale, ad esclusione dei prototipi di cui alla lettera c);

C) acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica e commerciale allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati; può trattarsi anche di altre attività destinate alla definizione concettuale, alla pianificazione e alla documentazione concernenti nuovi prodotti, processi e servizi; tali attività possono comprendere l’elaborazione di progetti, disegni, piani e altra documentazione, inclusi gli studi di fattibilità, purché non siano destinati a uso commerciale; realizzazione di prototipi utilizzabili per scopi commerciali e di progetti pilota destinati a esperimenti tecnologici o commerciali, quando il prototipo è necessariamente il prodotto commerciale finale e il suo costo di fabbricazione è troppo elevato per poterlo usare soltanto a fini di dimostrazione e di convalida;

D) produzione e collaudo di prodotti, processi e servizi, a condizione che non siano impiegati o trasformati in vista di applicazioni industriali o per finalità commerciali.

Il bonus quindi riguarda anche le attività di miglioramento dei processi produttivi.

Non si considerano attività di ricerca e sviluppo le modifiche ordinarie o periodiche apportate a prodotti, linee di produzione, processi di fabbricazione, servizi esistenti e altre operazioni in corso, anche quando tali modifiche rappresentino miglioramenti.

1 + 1 =

Informativa su Trattamento dati: i dati trasmessi con questa form vengono utiizzati unicamente per formulare una risposta alle domande inoltrate e non vengono condivisi o ceduti a terzi.

Come Polymed vi può essere utile

Polymed è in grado di accompagnare la propria clientela nella predisposizione del fascicolo necessario per la fruizione del Bonus fino alla liquidazione materiale del medesimo, ed identificare le attività ed i costi eleggibili ai sensi di legge.

Attraverso una attenta analisi ed un confronto con giurisprudenzaInoltre può assistere l’impresa anche nella formulazione di un quesito tecnico preventivo destinato al Ministero per Sviluppo Economico – ente competente in materia – al fine di avere un parere autorevole.

I nostri tecnici possono inoltre affiancare l’impresa nella pianificazione delle attività future anche mediante un supporto per registrazione di brevetti o di uno degli utenti

Approfondimento e modalità di lavoro

La formulazione della norma prevede la presenza di una serie di condizioni che rientrano in ambiti soggettivi e pertanto non privi di rischio di controversia interpretativa. Difatti il quadro generale con cui è formulata la norma deve seguire una serie di valutazioni di carattere tecnico per stabilire i confini fra il nuovo e il già noto, elemento discriminate la spettanza del contributo.

La consulenza che i tecnici di Polymed sono in grado di svolgere prevede anche una preanalisi con uno studio preliminare di ammissibilità.

Da un primo contatto in cui Polymed può verificare i presupposti della applicazione nasce percorso finalizzato ad un check-up gratuito sulle attività svolte. Qualora vengano rilevati i presupposti di applicazione si può provvedere fino alla formulazione del dovuto proprio fascicolo richiesto dalla norma.

L’ampiezza degli argomenti e delle numerose attività rientranti nello sviluppo precompetitivo Polymed può assistere impresa nella estrazione dei dati essenziali per formulare, con il supporto di primari studi legali convenzionati, una legal opinion per supportare l’impresa nella decisione, nonché nella formulazione dell’interpello nel quale descrivere con una puntuale e precisa esposizione dettagliata le attività svolte e proponendo una soluzione ai tecnici del Ministero e dell’Agenzia delle entrate.

Infine i nostri tecnici sono on grado di dare piena assistenza all’attività di pianificazione anche di programmazione strategica dell’attività di ricerca sviluppo mediante una preanalisi di ammissibilità preliminare al bonus.

15 + 6 =